La cellula NEURALE tipica

Commencez. C'est gratuit
ou s'inscrire avec votre adresse courriel
La cellula NEURALE tipica par Mind Map: La cellula NEURALE tipica

1. immaginando un circuito tra gli orgnai di senso e l'encefalo, LE INFORMAZIONI IMPIEGANO POCHI MILLISECONDI PER ARRIVARE : LA RISPOSTA NEUROMOTORIA

1.1. IL SISTEMA NERVOSO E' DEPUTATO AL CONTROLLO DELLE INFORMAZIONI ED ALLA RISPOSTA MOTORIA (anche chimica metabolica)

1.1.1. Sistema Nervoso Centrale SNC (midollo spinale e encefalo: l'uno all'interno della propria colonna vertebrale, l'altro all'interno della propria scatola cranica)

1.2. Sistema nervoso centrale, periferico, autonomo

1.2.1. _

1.2.1.1. Sistema Nervoso Centrale SNC (midollo spinale e encefalo: l'uno all'interno della propria colonna vertebrale, l'altro all'interno della propria scatola cranica)

1.2.1.2. Sistema Nervoso Periferico SNP (composto dai nervi: si divide in sistema nervoso VOLONTARIO, ossia intenzionale; e INVOLONTARIO o AUTONOMO come nel caso del miocardio)

1.2.1.2.1. IL SISTEMA NERVOSO SIMPATICO E PARASIMPATICO (che fanno parte del sistema nervoso autonomo).L SISTEMA N. SIMPATICO ha funzione di stimolare organismo in situazoni di stress ( aumentano le reazioni del fegato, del rene, dell'intestino, delle strutture riproduttive );IL SISTEMA N. PARASIMPATIVO ha la funzione opposta di rilassare l'organismo

1.3. La parte dell'ENCEFALO chiamata CERVELLO è legata al controllo e all'elaborazione, e alle funzioni più elaborate (apprendimento, memoria e linguaggio)

1.3.1. il cervello ha una superficie CIRCONVOLUTA, ciò per aumentare l'area funzionale al funzionamento cerebrale o in un volume più contenuto

1.3.2. AD ESEMPIO LA CAPACITA' ASSOCIATIVA

1.3.2.1. accompagnata dalla capacità astrattiva (CALCOLARE, IPOTIZZARE, ASTRARRE, DEDURRE) e dalla raffinatissima capacità manuale

1.4. COME FANNO I SENSI A TRASFORMARE UNA MOLECOLA CHIMICA, UN RUMORE, UNA LUCE, A DIVENTARE UNO STIMOLO NEURALE, OSSIA UNO STIMOLO ELETTRICO?

1.4.1. I NEURONI SONO LA CELLULA BASE DEL NOSTRO SISTEMA NERVOSO

1.4.1.1. NEL SISTEMA NERVOSO CENTRALE

1.4.1.1.1. POSSIAMO AVERE:

1.4.1.2. DAL SNC AL SISTEMA NERVOSO PERIFERICO

1.4.1.2.1. NEURONI MOTORI

1.4.1.2.2. NEURONI SENSORIALI

1.4.1.3. Neurônios Neurotransmissores Sistema Nervoso Cérebro Animação 3D Música Instrumental Relax

2. IL FUNZIONAMENTO NEURALE

2.1. Non tutte le sinapsi funzionano coi neurotrasmettitori: alcune, unite tra loro, usano i più rapidi impulsi elettrici (SINAPSI CONTIGUE, "attaccate tra loro")

2.2. OGNI INFORMAZIONE CHE RICEVIAMO è UN INSIEME DI NEUROTRASMETTITORI +

2.2.1. la quantità di neurotrasmettitori deve essere alta per produrre uno stimolo: eso=esterno della vcellula: diffusione nello spazio intrasinaptico

2.2.1.1. i NEUROTRASMETTITORI, CHE NELLE SINAPSI SONO CONTENUTI NELLE "VESCICOLE"

2.3. + DI IMPULSI ELETTRICI

2.3.1. GLI IMPULSI ELETTRICI SONO UN PASSAGGIO FISICO DI CARICHE ELETTRICHE DA UN POLO NEGATIVO A UN POLO POSITIVO

2.3.1.1. si attraggono

2.3.2. GLI ELETTRONI che viaggiano lungo gli assioni sono attratti da un polo positivo

2.3.2.1. questa attrazione la devono "sentire"

2.3.2.1.1. questo principio è il cosiddetto "potenziale di azione"

2.3.3. Quando creo una differenza di potenziale, apro la strada alla corsa degli elettroni

2.3.3.1. devo generare costantemente un polo positivo e uno negativo

3. _

3.1. i dendriti sono prolungamenti cellulari del SOMA (corpo) della cellula

3.1.1. vanno a contattare gli organi di senso o le strutture che devono elaborare o gestire e regolare le informazioni

3.1.2. ORGANIZZAZIONE SOMA ORGANO ATTRAVERSO DENDRITE

3.2. un'INFORMAZIONE centripeta va "verso il centro" della struttura e della nostra organizzazione /DEL NOSTRO SISTEMA

3.3. gli assoni servono a contattare gli organi o le strutture del bersaglio portando un'informazione CENTRIFUGA

3.3.1. GLI ASSONI

3.3.2. il problema legato alla lunghezza dell'assone è dovuto a questo:

3.3.2.1. SE NON VEDO O NON SENTO attrazione, non muovo cariche elettriche e l'impulso nervoso non si propaga

3.3.2.1.1. più sono lontano dal mio obiettivo (struttura bersaglio) meno mi viene da muovermi

3.3.3. la differenza di potenziale si crea anche nel nsotro corpo: si crea tra il soma cellulare neuronale e la struttura bersaglio

3.3.3.1. e permette agli elettroni di passare dal soma agli organi

3.3.3.2. l'organizzazione SOMA - ORGANO ATTRAVERSO ASSONE

3.3.3.2.1. L'OUTPUT ELETTRICO IMPIEGANO POCHISSIMO TEMPO A STIMOLARE LA STRUTTURA BERSAGLIO

3.3.4. ecco a cosa servono i NODI DI RANVIER

3.3.4.1. creano differenze di potenziale più ravvicinate

3.3.4.2. si formano ad ogni nodo: e per ogni nodo si crea un SALTO che trasmette gli elettroni fino alla fine del nostro assone

3.3.4.2.1. la trasmissione di elettroni avviene per differenze di potenziali, e giunge alle sinapsi

3.4. la guaina mielinica funge da isolante come per i cavi elettrici